venerdì 27 settembre 2013

Real Time Marketing: #BoicottaBarilla e competitors

Mesi fa ho iniziato ad interessarmi al Real Time Marketing o opportunistic RTM come ha scritto MyMarketing.  Entrambi rivelano come il marketing, oltre ai suoi tanti standard tra cui creare valore per la marcacomunicare benefici percepiti ai propri customers e a posizionare un brand nella mente del proprio target differenziandolo dall'insieme evocato dei competitors, deve necessariamente attrezzarsi e costruire azioni rapide, efficaci per estendere il presidio sul mercato di riferimento. Come?

Attraverso l'esaltazione dei valori del brand in tempo reale, lo sviluppo dell'interazione/engagement con gli utenti (fan e non) cogliendo le contingenze degli eventi, pianificate e soprattutto impreviste. 
Qualcuno lo ha chiamato "Instant Advertising", in realtà è una leva ulteriore del Real Time Marketing.

Ieri abbiamo assistito al più grande caso d'insuccesso di uno tra i brand più amati in Italia, Barilla. L’intervista a Mr. Guido Barilla ai microfoni de La Zanzara  hanno scatenato reazioni di ogni tipo, fino ad arrivare ad un hashtag #boicottabarilla che nelle prime ore è stato citato oltre 10.000 volte. Franzrusso racconta che i tweets alle 9,30 di stamane, 27 settembre 2013, sono 113,700 e il picco è alle 20 di ieri sera ed è di 8,541.

Evidentemente questo episodio è un #epicfail colossale per Barilla. La reputazione va giù e a tendere anche le vendite.
Oltre a questo i competitors hanno reagito con le logiche del Real Time Marketing con comunicazioni di ogni tipo, cavalcando l’onda e generando ulteriori discussioni per aumentare l’engagement con i propri utenti e con tutta l’audience attenta che nelle prime ore ha boicottato virtualmente Barilla. Questi competitors, da Garofalo a Buitoni, da Misura a Althea, hanno usato le leve del RTM per fare awareness sfruttando l'hashtag e il worth of-mouth.


Ad oggi si erano visti solo dei casi di successo.
A mio avviso, lo showcase di RTM più eclatante è il caso Oreo che durante il Superbowl, nel blackout durato 34 minuti ha sfruttato il contesto per toccare l’emozioni degli utenti e dare al brand un boost enorme. Creativo, immediato, di successo. 

Questo è stato sicuramente amplificato dal second-screen, dal fenomeno moltiplicatore generato dagli utenti che guardando la TV usano il proprio smartphone per interagire in real time con la trasmissione.
Il tweet è stato ritwittato 15.000 volte in meno di 4 ore. Ne hanno parlato con estrema efficacia i ragazzi di The Vortex. 

Alcuni già parlano di web reputationma i risultati che più contano li vedremo a Gennaio, quando saranno pubblicati i dati di vendita del Q4. A quel punto sarà noto se il #boicottabarilla si trasforma in perdita di market-share, oltre che di brand reputation.

Curioso di vedere le analisi di sentiment dei prossimi giorni di Blogmeter e Socialbakers.

La notizia ieri sera aveva già conquistando i mercati esteri. #BoycottBarilla è in UK sul The Indipendent e in USA su ABC news. Qui la diffusione del "virus", da New Jersey, a Chicago, a Los Angeles, ecc. Oggi anche sul The Guardian 

Buitoni


Garofalo


Misura 


 Althea


Misura


Misura


Ecco 10 casi di successo di Real-Time Marketing su Twitter che hanno generato un engagement rate di valore.

Stella Artois durante gli Oscar


Qui il messaggio di scuse di Mr. Barilla.



Post in aggiornamento

sabato 3 agosto 2013

#UBER test, #NewTaxi e fine delle polemiche

Venerdì scorso ho avuto l'occasione di testare #Uber dopo aver ricevuto il coupon “summer” da 50€.

Ho aspettato la Mercedes di Ciro quasi 20min, ma evidentemente partiva dall'autorimessa più vicina, così come da ultima e triste ordinanza del comune di Milano datata 30/07. Prevede che le auto nere a differenza dei Taxi, non possano circolare liberamente in città e accogliere le richieste dei clienti stando in giro, ma debbano sostare in autorimessa e uscire solo se interrogati. La trovate qui (grazie ad Alberto Mingardi del Post.it per la segnalazione).

La norma non piace neanche a Luca Bizzari che twitta ironicamente contro il comune. 
Tre segnalazioni personali su Uber:
1. il servizio di Uber è il classico "Ambrogio" che si rispetti: cordialità, agio, comodità, qualità, eleganza, soddisfazione.
2. La tariffa preventivata è stata sforata, un minimo. Pare che se la tariffa non corrisponda al preventivo, Uber rimborsi la corsa.
3. Pregevole servizio di customer care, grazie alla always on Elena Lavezzi

Comunque in questo mercato ci sono altri player che lottano per conquistare nicchie, spazi di business e costruire valore reale per un target definito.

NewTaxi App iOs
Infatti, una validissima alternativa ai discussi NCC è NewTaxi, la nuova applicazione che si aggiunge ai radio taxi e offre ai tassisti maggiori possibilità di effettuare corse. È semplice, intuitiva, non ha bisogno di una carta di credito (si paga al tassista) e permette di richiedere il Taxi più vicino in base ad una serie di filtri speciali (wi-fi, tipi bancomat, capienza, trasporto animali, disabili, ecc.). Un servizio eccellente che coglie le nuove opportunità dell'App Economy, specifica le aspettative del cliente smart, abbraccia le esigenze di tassisti e passeggeri. 

Opinioni personali su NewTaxi:
1. è una soluzione intelligente, aiuta i tassisti, crea nuove opportunità, soddisfa il cliente e genera un incontro armonioso tra domanda e offerta. 
Filtri App NewTaxi
2.Entrambi i servizi mostrano l'auto avvicinarsi del taxi verso di te e poi verso la destinazione. Ottimo per verificare il percorso ed evitare sorprese da sightseeing;
3. Sono già oltre 200 i tassisti aderenti tra Roma e Milano e il servizio è nella sua piena fase di sviluppo, come racconta il founder Michele Amori a Martina Pennisi (Corriere). Da provare!
In questo caso non ci sono codici sconto, anche perché si paga al tassista e non all’interno dell’app. Puoi scaricarla qui.

Implicazioni di marketing:
a) Gli investimenti sostenuti da Uber (coupon sconto su prima corsa da 10 a 50eur, party, digital PR, sponsored post, ecc.) fanno pensare che analisi approfondite di mercato abbiano certificato una domanda potenziale di un servizio di qualità superiore rispetto al taxi verso un target evoluto, smart, disposto a pagare via App e altospendente (anche se esiste l’opzione “split fare” che permette di dividere il costo tra i passeggeri).
b) l’attenzione dei media, della PA e le polemiche dei radio taxi conferma l’opportunità di business, visto che i tassisti (anche se in minima parte) stanno perdendo quote di mercato.

Evidentemente dopo l'ordinanza e la vigilanza sul rispetto di essa, le polemiche cesseranno, gli NCC di Uber faranno uno sforzo ulteriore e i tassisti faranno meglio ad accettare le occasioni offerte da NewTaxi.

lunedì 29 luglio 2013

Snapshot, la nuova app di Adidas

Oggi inizia una nuova linea, parallela ai racconti su news digitali e advertising multi-screen. Si tratta di una rubrica settimanale con le segnalazioni sulle nuove app, interessanti, fresche e possibilmente branded. RubricApp potrebbe essere il naming della sezione. Altri suggerimenti? Per ora vi lascio alla segnalazione di oggi...

Nuove e degne di nota - Apple Store
Pare che Apple la chiami "Nuove e degne di nota", per Google sono "Selezione di Play", qui saranno sotto RubricApp. L'intenzione è individuare app nuove, o ancora poco diffuse, ma che nascondono potenziali di crescita (più o meno di nicchia), legate a community o aperte all'attenzione di tutti.


Quanto è difficile emergere nell'oceano degli store.
IlSole24ore conta oltre 900mila App sullo store, il mondo Android conta più di 700mila App, sempre a livello global. Un po' più difficile individuare il dato Italia, ma orientativamente vengono pubblicate 2 App al giorno da sviluppatori italiani (non si contano le app multi-country). Il dato certo è il valore del mercato delle app in Italia: 600milioni di euro, e un buon sviluppatore potrebbe guadagnare anche 50.000 euro l'anno, così come affermano gli Osservatori del Politecnico.

Selezione di Play - Google 


adidas snapshot
L'app che mi ha colpito questa mattina è Snapshot, l'app di Adidas legata al Football che ti permette di verificare la potenza di un tiro. In sostanza è la prima app al mondo di Football Tracking.
Come funziona? 3 step:
1. Inquadra il pallone prima del calcio
2. Registra il tiro (video real time)
3. Rivedi e leggi la potenza. Fatto!

Semplice, maniacale, con uno spirito di challenge e un motivo in più per aggregare gli amanti del calcio.
E poi si sa, la tecnologia, la competizione e il calcio sono leve abbastanza note per emergere nel mercato Italia. Non è un prodotto, è una gamification app legata a concetti di brand awareness e valori di appartenenza al gruppo, socialità.

Qui per scaricare gratis l'app su App Store.



Uno strumento di engagement tra brand e consumer, che coinvolge in modo diretto la propria audience e l'avvicina ancora di più alla marca, dando piena libertà di fruire il brand in autonomia e in gruppo.

Qui il video:



via @martinapelucchi e Leonardo.it

venerdì 26 luglio 2013

Come si aggiorna il profilo FB senza tecnologia

Che mondo sarebbe senza smartphone?
Un video imperdibile di Qualcomm esprime al massimo il concetto dello squilbrio contemporaneo legato all'estremo utilizzo dei dispositivi mobile per comunicare, socializzare, vivere. Detta così è un'affermazione sociologicamente impegnativa, ma in realtà il video ironizza su come si possa aggiornare il profilo Facebook manualmente, su come il tweet diventi un bird-boomerang e sul postino spammer che ti raggiunge ovunque (anche al parco) e ti sommerge di 5 lettere al secondo, come fosse un ninja in divisa.


Tafter ne ha parlato qui. L'Huffington UK racconta: "From emailing to tweeting, updating your profile to gaming, check out this excellent, funny advert from Qualcomm which imagines how we'd all behave if we didn't have mobile phones."

Qui il video:



Enjoy!